I robot ci ruberanno 5 milioni di posti di lavoro


E’ una previsione che allarma. Meglio iniziare a guardarsi intorno. Soprattutto coloro che lavorano nel settore amministrativo che verrà messo sotto scacco da macchine sempre più smart. A dare l’annuncio shock è il rapporto Future of Jobs che non lascia spazio a risatine sotto i baffi, la realtà è davanti ai nostri occhi. Analizzando i dati raccolti dal World Economic Forum entro il 2020 cinque milioni di posti di lavoro occupati da esseri umani verranno presidiati da robot. E il trend non sembra destinato a scemare, la cosiddetta “rivoluzione industriale 4.0” avrà un ruolo determinate anche nei contesti produttivi: la vendita di robot industriali crescerà del 40% nei prossimi due anni. Secondo un altro studio dell’Università di Oxford, l’impatto maggiore lo subiranno gli Stati Uniti con il 47% dei posti di lavoro a rischio, mentre l’Europa pagherà un tributo vicino al 50%, spalmato però nei diversi paesi continentali.
Che i robot si prendano uno spazio nelle catene di montaggio è quasi scontato, meno intuitivo è però il dominio di quelle posizioni che fino a ieri erano appannaggio dei colletti bianchi. Gli impiegati saranno i prossimi ad essere fagocitati dall’automazione, ma a rischio ci sono anche fattorini, badanti e perfino chef.
Aziende come Amazon hanno già iniziato a sperimentate consegne coni droni, in Giappone i robot maggiordomo sono già in vendita nei supermercati dell’elettronica, e le stampanti 3D hanno dimostrato di essere efficaci anche in cucina.
Quali sono allora i lavori meno a rischio? Secondo gli analisti avranno maggiori probabilità di sopravvivere coloro che si sono specializzati in materie ad alta specializzazione, ovvero i mestieri “STEM”, acronimo per Science, Technology, Engineering, Mathematics. Cioè, per vederla cinicamente, si salveranno coloro che i robot gli costruiranno.

Autore: Mark

Per parlare di futuro non bisogna avere la sfera di cristallo, ma una grande curiosità per quello che sta già accadendo. Il bello deve ancora venire!

Condividi questo Post